Spesso quando leggiamo un articolo sul web, ci viene suggerito di ampliare le informazioni o scoprire da dove provengono i dati. Questo collegamento è normalmente visualizzato in lettere blu (si noti che una mano appare automaticamente con il dito indice rivolto verso l’alto).

A volte l’unica cosa che riusciamo a capire è la prima parte, in cui c’è un nome di un sito Internet che continua con una barra e la combinazione di cui abbiamo parlato prima.

Un “URL” è un acronimo che fa riferimento alle parole inglesi “Uniform Resource Locator”. Pertanto, in questo articolo parleremo di URL, URL diversi e della loro importanza nei computer e nelle pagine Web in modo da non avere dubbi o paure quando si fa clic su questi collegamenti.

Puoi anche leggere: Che cos’è il protocollo HTTP e a cosa serve

Come è strutturato un URL?

L’URL contiene il nome del protocollo richiesto per accedere alla risorsa, nonché il nome della fonte. La prima parte dell’URL specifica quale protocollo deve essere utilizzato come principale mezzo di accesso. Viene invece identificato l’indirizzo IP o il nome a dominio ed eventualmente il sottodominio in cui si trova la risorsa.

Che cos'è un URL?
Che cos’è un URL?

I protocolli URL includono HTTP (Hypertext Transfer Protocol) e HTTPS (secure HTTP) per le risorse Web, indirizzi e-mail per e-mail, FTP per file server File Transfer Protocol (FTP) e Telnet per una sessione di accesso al computer remoto. La maggior parte dei protocolli URL è seguita da due punti e due barre; “Invia a” è seguito solo da due punti.

Facoltativamente, dopo il dominio, un URL può anche specificare:

  • un percorso a una pagina o un file specifico all’interno di un dominio;
  • una porta di rete che verrà utilizzata per effettuare la connessione;
  • un riferimento specifico in un file, come un’ancora denominata in un file HTML;
  • una query o parametri di ricerca utilizzati, comunemente presenti negli URL per i risultati di ricerca.

Parti di un URL

Un URL è costituito da diverse parti utilizzate per caricare la pagina associata. Alcune parti sono obbligatorie mentre altre sono facoltative. La parte corrispondente di un URL viene quindi mostrata in grassetto per mostrare a quale parte si fa riferimento. Ci sono tre parti fondamentali di un URL:

Parti di un URL
Parti di un URL

Protocollo

L’inizio dell’URL indica quale protocollo deve utilizzare il browser. I protocolli più comuni sono l’Hypertext Transfer Protocol (HTTP) o l’Hypertext Transfer Protocol Secure (HTTPS). Con la maggiore attenzione di oggi alla privacy e alla sicurezza online, il protocollo HTTPS più sicuro sta diventando il protocollo dominante sul World Wide Web.

I protocolli meno comuni includono ftp: (File Transfer Protocol) e mailto: (per aprire un client di posta). Il termine “indirizzo web” si riferisce a un URL che utilizza il protocollo HTTP o HTTPS. Non è obbligatorio includere il protocollo quando si inserisce un URL.

Nome del dominio

Molte persone usano i termini nome di dominio e URL in modo intercambiabile, ma un URL incorpora un nome di dominio per creare un indirizzo completo, non è uno in sé. Un nome di dominio è un riferimento univoco che identifica un sito Web sul World Wide Web. Viene subito dopo il protocollo ed è separato da due punti e due barre.

Itinerario

Il percorso si riferisce alla posizione esatta di una pagina, post, file o altra risorsa. Il percorso viene dopo il nome di dominio ed è separato da una barra. Non tutti gli URL visualizzeranno un percorso perché i siti Web possono riscrivere gli URL per semplicità.

È importante notare che gli spazi non sono consentiti in un URL. Possono essere utilizzati solo caratteri alfanumerici e caratteri! $ -_ + * ‘(). Eventuali altri caratteri necessari devono essere codificati.

Come vengono classificati gli URL

Innanzitutto, dobbiamo differenziare un URL da un URI (Uniform Resource Identifier). Senza entrare nei dettagli, un URI contiene un URL, ma mai il contrario. L’URL può cambiare, perché un URI non cambia mai. A volte un URL è un URI.

Molte persone confondono questi termini e il modo in cui vogliamo informarti adeguatamente in modo che tu non abbia problemi in futuro quando lavorerai con questi problemi. Chiarito questo punto, possiamo dire che un URL si divide in due grandi gruppi:

URL semantico

Questi sono i link che sono stati formattati molto più facilmente da capire in una semplice lettura. Viene utilizzato per visualizzare la posizione di una determinata pagina all’interno del sito web.

Sono anche chiamati “URL amichevoli”, perché l’obiettivo è rendere più facile per l’utente ricordare l’URL omettendo numeri, caratteri e altri segni.

URL non semantico

Questo localizzatore di risorse non ha una logica semplice nella sua lettura e riflette l’indirizzo specifico dove si trova l’articolo correlato, all’interno di un sito Web, nella posizione di quel tipo di informazioni. Non è altamente raccomandato per la SEO perché Google premia gli URL amichevoli.

Perché l’URL è importante?

Poiché l’URL è definito, è il nome della tua risorsa online. Ogni entità che accede a quell’elemento utilizza, fa riferimento, legge e consuma la struttura del proprio URL come parte strumentale della propria pagina web. La maggior parte dei sistemi di gestione dei contenuti, come WordPress, fornisce una struttura URL pronta per l’uso. Ma un po’ di attenzione e direzione possono davvero portare i tuoi contenuti a un ulteriore passo avanti nelle prestazioni online. Potresti non capire in quanti posti viene utilizzato l’URL.

  • Gli URL sono spesso il testo utilizzato per collegarsi a una pagina web.
  • Gli URL vengono in genere stampati su materiali di marketing come biglietti da visita, brochure, cartelloni pubblicitari ed e-mail.
  • Gli URL sono un fattore influente sul modo in cui la tua pagina web può essere classificata in una ricerca su Internet.

Questi e molti altri usi di un URL garantiscono una migliore comprensione e utilizzo.

Puoi anche leggere: Modello OSI: cos’è, a cosa serve e qual è la sua importanza.