Un dongle o una chiave di sicurezza è un dispositivo importante se vuoi proteggere i file critici dalla tua azienda, dal tuo lavoro o da un programma speciale. Pertanto, in alcuni casi è necessario fornire copie diverse a dipendenti o persone con piena fiducia. Pertanto, è necessario sapere come eseguire correttamente una copia.

In questo modo, utenti diversi possono confermare di avere accesso al documento o programma in questione, ovvero possono apportare modifiche o altrimenti osservare le informazioni in esso memorizzate.

Ricorda che è molto vantaggioso fare diverse copie del dongle, perché se perdi o danneggi il dongle, avrai risposte diverse per sostituire la perdita e sollevarti dalle preoccupazioni. In questo blog spieghiamo che cos’è un dongle o un dispositivo chiave ea cosa serve.

Potrebbe interessarti anche: Cos’è Google Chromecast e come funziona

Cos’è un dongle o un dispositivo chiave? ea cosa serve

Cos'è un dongle
Cos’è un dongle

È un dispositivo che utilizzato come chiave di sicurezza, funge da piccolo adattatore che si collega a un altro dispositivo, fornendo funzionalità aggiuntive, in questo caso fornisce la verifica dell’utente.

Funzionano come segue: Posizionando la chiave di sicurezza sul computer, il computer può confermare che una parte del programma o del software funziona. In alcuni casi, i programmi funzionano solo in modalità limitata o non possono essere eseguiti a meno che l’utente non venga confermato con la password.

Anche può essere utilizzato per integrare le password, impedendo agli utenti di accedere a file e / o cartelle senza queste password. Gli adattatori o le chiavi di sicurezza possono essere USB o HDMI.

Passaggi per clonare la chiave USB o la pendrive e saltare la protezione di un programma

Esistono diversi metodi per copiare o clonare un dongle, uno solo disponibile per computer con sistema operativo Windows, da Windows XP a Windows 10. Notare che questo metodo ne è un’emulazione.

Eseguire ciascuno dei passaggi spiegati esattamente come indicato, poiché un errore può significare danni ai dispositivi USB.

Requisiti per clonare una chiave USB

Prima di iniziare il processo di copia di un dongle, devi soddisfare una serie di requisiti strettamente necessari Per eseguire correttamente il lavoro, prendere in considerazione i seguenti punti:

  • Avere un computer con un sistema operativo valido per il programma.
  • Conoscere la marca o il modello del dongle su cui si intende eseguire la copia: possono essere i seguenti; HASP o Sentinella.
  • Usa i programmi per scaricare il Dongle, in questo caso puoi usare Neobit 11.
  • Scaricare i driver corrispondenti al dispositivo, cioè se è “Sentinel” i driver per esso o se è “HASP”, lo stesso caso.

Processo di creazione

I processi di creazione sono nello stesso ordine, innanzitutto la chiave deve essere scaricata con il programma corrispondente e poi una copia emulata. Utilizzare sempre i programmi appropriati per ogni produttore.

Dongle dump

Questo processo è uno dei più complicati E può essere una cosa pericolosa. Quello che dovresti tenere in considerazione prima di iniziare il processo è il marchio del dongle per il quale intendi creare un file backup.

In questo caso, il processo è stato eseguito con un dispositivo Sentinel e sono stati installati i driver Sentinel. Se questi non sono installati, il programma ti avviserà di un errore.

Nota: Cerca su Google i driver per il tuo dispositivo.

Sono disponibili diverse schede o opzioni tra cui scegliere

Ci sono diverse schede o opzioni tra cui puoi scegliere nel programma, Sentinel è scelto per ora, perché è quello che ci interessa per il tutorial. Ma puoi scegliere una qualsiasi delle altre opzioni se la marca del tuo dispositivo è diversa. L’opzione Keygen non dovrebbe essere scelta, questo perché non soddisfa alcuna funzionalità in ciò che devi fare attualmente.

Vengono visualizzate diverse opzioni da contrassegnareIn questo momento non ne sceglierai nessuno, poiché sono per utenti più esperti. Stai solo per apportare una modifica nello spazio vuoto sotto la parola “Scarica e risolvi”.

Successivamente indicherai un nome per il nuovo dispositivo. Può essere chiunque, ma alla fine è necessario aggiungere il seguente “dng”. Dopo aver aggiunto il nome e installato i driver corrispondenti, farai clic sul pulsante “Dump & Solve” per continuare con il processo.

Se usi un laptop Assicurati che sia collegato al caricabatterie e abbia una batteria carica, poiché il processo all’avvio ha fasi diverse e può richiedere molto tempo per essere completato.

Prima fase

Devi individuare il dongleSe il dispositivo è collegato correttamente a una porta USB, sarai in grado di visualizzarlo. In caso contrario, viene visualizzato un errore, modificare il dispositivo di porta e riavviare il programma per trovare nuovamente il componente.

Seconda fase

Ora il programma dovrà rilevare gli algoritmi e decrittarli. La procedura è la più lunga nel tempo, perché questo dipende dal dongle, quindi può anche ore.

Terza fase

Devi fare la creazione del file dump, che sarà “dng”. Questo file sarà quello che utilizzerai nell’emulatore dopo aver terminato il processo.

Al termine di ogni fase, la barra di avanzamento identificata nell’immagine con un riquadro rosso, aumenterà gradualmente.

Errori durante il processo

Ogni fase può avere guasti diversi, causando errori specifici. Questi sono mostrati nella barra degli errori del programma. A seconda del tipo, potrebbe esserci un modo per risolverlo. Successivamente, nomineremo gli errori più comuni.

  • L’errore “Non riesco a trovare il dongle” (Impossibile trovare il dongle), viene generato quando il programma non riesce a trovare il dispositivo Dongle.
  • C’è anche il file “Impossibile inizializzare l’API sentinel” (errore di inizializzazione dell’API Sentinel), questo accade quando si verificano errori con i driver. Si raccomanda che, al momento dell’installazione, vengano attivati ​​come un servizio che Windows esegue all’avvio.
  • Quando il processo sarà terminato, avrai creato il file che sarà una copia di backup del dongle, completamente pronto per essere emulato quando necessario.

Emulazione del file .dng

Ora Tdovrai usare alcuni degli emulatori che abbiamo precedentemente indicato, poiché in questo tutorial viene utilizzato il programma Sentinel, utilizzeremo detto emulatore. Ricordati di utilizzare quello che corrisponde al modello del tuo dispositivo.

Questo programma fungerà da emulatore per il file dng. Un piccolo svantaggio che presenta è che può generare schermate blu a causa dell’incompatibilità con alcuni programmi se vengono eseguiti contemporaneamente all’utilizzo dell’emulatore.

Ad esempio, potrebbe non riuscire se il Bluetooth è attivo. Se ciò accade, dovresti solo disabilitare le app che si bloccano prima di usarlo.

Puoi vedere 3 schede, ognuna con una funzionalità specifica:

  • Emulatore: Qui è dove il dongle verrà utilizzato ed emulato.
  • Dongle: Questa parte è responsabile del caricamento del file dump, spiegato in precedenza.
  • Conducente: È qui che installerai il driver in modo che il programma funzioni correttamente.
  1. Il primo processo che sceglierai è il file “Scheda Driver”, in modo che il programma funzioni in questo modo. Il modo corretto per l’installazione è il seguente:
  2. “Stai per fare clic Installa il driver “.
  3. Verranno attivate le opzioni di avvio automatico e avvio manuale.
  4. Sceglierai il file “Esecuzione manuale”.
  5. Stai per “fare clic su Salva stato “ per essere salvato.

Dopo aver completato con successo questi passaggi, andrai alla scheda “Emulatore”. È qui che deve essere emulato. Una volta fatto, vedrai diverse opzioni.

  • Licenza: È la licenza del programma.
  • Dongle con licenza: Qui è dove sarà la licenza dello stesso che vuoi emulare.
  • ID computer: Questo è l’ID del computer in uso.

Tu “fare clic sul pulsante Avvia servizio “, avviando così il processo. Vedrai che lo stato del programma è cambiato. Adesso te lo dirà “Il servizio è già attivo e funzionante.” Puoi vederlo in “Stato sentinella”.

Carica il file .dng

Ora, devi solo fare clic sul file Scheda “Dongle”, quindi puoi caricare il file di dump, in questo caso il file “File Dng”, che hai creato in precedenza. Per questo devi fare quanto segue:

  1. “Sceglierai l’opzione Load Dump “ e sceglierai il file da caricare. Individua il file con il nome che hai creato.
  2. Al termine del caricamento, “Tornerai alla scheda Emulatore”. In questa parte controllerai che sia stato caricato correttamente e che funzioni.
  3. Dovrai guardare i dati da “Licenza” Y “Chiavi di licenza”, rispetto ai dati originali.
  4. Una volta convalidato, potrai utilizzare il dispositivo clonato senza problemi.

Potrebbe interessarti anche: Qual è lo scopo dell’apertura delle porte del router

Leave a Reply